• RE LEAR

    Produzione 2014
    Perché Lear? Dunque: perché esiste ancora il Potere, che in tempi di crisi si sfregia, fratelli-nemici, fino alla fine? La crisi è cambiamento, trasformazione e anche il Potere si trasforma, si aggiorna, assumendo nuove dinamiche e strategie, con il rischio di autodistruzione...

    view

  • Teatro e Sociale: Laboratori Anziani 2012-2013 Municipio VII

    Groucho Teatro con il sostegno dell Municipio VII di Roma, Assessorato alle Politiche Sociali, svolgerà  per l'anno 2012-2013 il progetto di laboratori teatrali intergenerazionali Nonni-Nipoti, presso tre Centri Anziani del territorio. Tre azioni: Lab Memoria Viva; Lab Passaggi di Eredità ; Lab Racconti e fiabe di oggi e di ieri.

    view

  • Teatro e Sociale: Laboratorio con adolescenti 2012-2013 Municipio VII

    Groucho Teatro con il sostegno del Municipio VII di Roma, Assessorato alle Politiche Sociali, svolgerà  per l'anno 2012-2013 il Progetto di laboratorio teatrale 'Il piacere di raccontare assieme'. Il corso sarà  incentrato sul tema del distacco e vedrà  le figure professionali di un antropologo e di uno psicologo. Il laboratorio terrà  come materiale di riferimento i testi di Ernesto de Martino e il testo 'I segreti del mondo' di J.C.Carrière

    view

  • Roy Hart Theatre: seminario Febbraio 2013

    Ass. Cult. Groucho Teatro - Centro di ricerca teatrale organizza lo stage sulla voce con il Roy Hart Theatre "ACTING SINGING" "Vivo respirando. Canto trasformando questo respiro in suono, suono che a sua volta dà  forma ai contenuti dell'anima". A. Wolfsohn Stage condotto da Ian Magilton, membro fondatore del Roy Hart Theatre e presidente del Centre Artistique International Roy Hart Theatre, a Malerargues, Francia. Attore e regista di fama internazionale, interessato al legame tra musica e teatro.

    view

  • Progetto 'Primavera della Formazione' - 3 incontri di alta formazione fra Marzo, Aprile e Maggio 2012

    Groucho Teatro organizza a Roma 3 seminari intensivi di alta formazione, dislocati tra Arci Malafronte e CineTeatro Volturno. Con Augusto Omolù, Naira Gonzalez, Raffaele Schettino, Mara Calcagni. Il lavoro si concentrerà  sui PRINCIPI DI ENERGIA dell'attore: Azione fisica e Azione vocale.

    view

  • Prometeo in Blues

    Durante la dittatura dei colonnelli in Grecia, Alexander viene fatto prigioniero. Nei sui ultimi 5 minuti prima dell'esecuzione ci racconta di Prometeo, colui che ha donato il fuoco agli uomini. Nei suoi deliri, Alexander finisce per identificarsi con il personaggio mitico, parlando la sua stessa lingua, il greco antico. Racconta del mito in prima persona, in parallelo con la sua esperienza di resistenza, nello sfondo di musiche antiche e recenti che richiamano il senso profondo di un Blues delle origini.

    view

  • Canti dalla terra

    Lo spettacolo racconta con canto e narrazione storie del popolo italiano, di lavoro e resistenza, utilizzando la polifonia a due voci. Sono canti della tradizione popolare italiana che non possono essere dimenticati perchè erano e sono la testimonianza della cultura popolare e della storia delle classi subalterne, perchè parlavano e parlano di valori universali, di giustizia, di pace e di lavoro. Servono oggi come allora per ricordare che un paese non è chi lo governa, ma è chi lo vive.

    view

  • Brecht a Babilonia

    (basato su "Ascesa e rovina della città  di Mahagonny")

    Due ricercati decidono di fondare una città , la città  del divertimento e dello svago: Babilonia, la città  della libertà . La felicità  si può comprare? A Babilonia sì! Se hai denaro, puoi fare tutto: sesso, tranquillità, alcol. Ma ma qualcosa manca. Cosa? L'umanità . Quella non si compra, quella si scopre e il denaro non serve proprio a niente per questo.

    view

  • Il fiume che scorre

    (dimostrazione di lavoro)

    La dimostrazione di lavoro analizza l'uso dei principi di energia della danza degli Orixà  nell'allenamento e nella creazione delle partiture sceniche da parte dell'attore. In specifico si tengono come esempio alcune parti del Prometeo in Blues, spiegando come l'attore usi le qualità  d'energia nel lavoro sui personaggi. Inoltre viene affrontato uno storico del percorso di ricerca di Groucho Teatro, sul corpo, sulla voce e sul testo.

    view

  • Un uomo elegante di Seattle - Storie e suoni della vita di Jimi Hendrix

    Un a colonna sonora di libertà  e una rappresentazione scenica disinvolta. Il filo conduttore sono i testi, la vita e la musica di Jimi Hendrix, incontrastato genio chitarristico e compositore, vissuto sempre in equilibrio fra follia e psichedelia, ma senza che questo ne annientasse l'umanità  e la semplicità .
    Dal mondo di Jimi Hendrix, del quale si esplora il repertorio musicale suonando diverse tracce, si estraggono immagini, ambientazioni e diverse situazioni sceniche.

    view

La storia di Re Lear di W.Shakespeare


 

LA STORIA DI RE LEAR

 

La storia di un Re che divide un regno, la storia di un padre che finisce per dividere i propri figli, la storia della malattia del potere, la storia dell'amore disinteressato del figlio verso il padre, la storia dell'opportunismo adulatorio e del disprezzo del figlio verso il padre, la storia della vecchiaia e delle sue difficoltà, la storia della vecchiaia e della saggezza conquistata, la storia di un figlio disprezzato, la storia di un figlio riabbracciato, la storia della superbia, la storia dell'umiltà, la storia di chi guarda ma non vede, la storia di chi impara a vedere quando non può più guardare, la storia del vile tradimento, la storia dell'amore incondizionato, la storia dell'angheria, la storia dell'onestà, la storia della distruzione, la storia della catarsi. La storia di Re Lear.

scarica la pagina in pdfscarica la versione in pdf

di e con:

Raffaele Schettino

 

testo:

 William Shakespeare

 

disegno luci:

Marco Laudando e Mara Calcagni

 

durata:

60 minuti

 

Produzione:

Ass. Cult. Groucho Teatro – Centro di ricerca teatrale

 

Anteprima al Teatro Biblioteca del Quarticciolo - Teatri di Roma - 6 e 7 febbraio 2014 

 

NOTE DI REGIA:

 

Perché Lear? Dunque: perché esiste ancora il Potere, che in tempi di crisi si sfregia, fratelli-nemici, fino alla fine? La crisi è cambiamento, trasformazione e anche il Potere si trasforma, si aggiorna, assumendo nuove dinamiche e strategie, con il rischio di autodistruzione. Soprattutto quando possiede la proprietà personale della RES PUBBLICA ed ha il potere di disporne come vuole, anche dividendola. Questo crea contrasti insanabili, fra generazioni e nelle generazioni, dato che gli appetiti per il potere sono insanabili. Fate voi le dovute analogie con il presente.

Nostro intento è quello di portare al più vasto pubblico la conoscenza di quest'opera, non annoiandolo con lungaggini, ma nemmeno semplificandola eccessivamente. Perché quest’opera continua a parlare di noi.

Che cosa è la Follia di Lear? 

Lear-Fool: da questa equazione partiamo per scoprire che a volte dobbiamo fare un giro largo, andare oltre i nostri limiti abituali, per scoprirci da dentro e finalmente riuscire a vedere “con gli occhi della mente” insieme al Matto che è dentro di noi. Appunto, nella Follia. Il Teatro fa di questo una prassi procedurale: la paradossalità e la contraddizione ne sono la base operativa. E una crisi spesso si trasforma in opportunità di cambiamento e, in qualche modo, di catarsi interiore.

Re Lear è un'opera di incredibile spessore, per cui, probabilmente, una vita intera non sarebbe sufficiente a coglierne tutti gli aspetti più profondi: un'opera più grande di noi. La necessità di confrontarsi con essa ha subito riscontrato la difficoltà di ridurre il testo i cui piani narrativi sono molto complessi, conservandone l'unità narrativa e cercando di non semplificarlo eccessivamente. L’obbiettivo della messa in scena è duplice. Il primo è quello di trasmettere allo spettatore l’aspetto umano delle relazioni espresse nel e sotto il testo scritto: l'attore passa da un personaggio all'altro (dieci personaggi e un narratore), approfondendone le linee di azione e comportamento, fisico-psichiche, raccontando in azione i personaggi della piéce e la loro traiettoria. Il tutto in-seguendo la tradizione della compagnia Fo-Rame e gli insegnamenti del teatro di Peter Brook; il secondo obbiettivo è quello di far apprezzare "Re Lear" quale strumento per riflettere sui meccanismi sociali del nostro tempo, raccontando la storia in modo semplice, diretto e accessibile.

Un contesto in cui l'attore ritorna al centro della scena, nella sua funzione essenziale e primaria di trasmettere una storia, di condividerla umanamente, carne, sangue e spirito, nel rituale semplice del trovarsi assieme: nel rituale del teatro, il luogo dove si vede raccontare una storia accessibile al più ampio pubblico.

 

IL TESTO - La riduzione del testo è avvenuta conservando le battute scritte dall'autore nell’originale. La traduzione di riferimento è quella di Agostino Lombardo e a partire da questa, con la stretta consulenza di drammaturghi madre-lingua, sono state scelte parole e frasi coerenti con il linguaggio dei giorni d'oggi e comprensibili al pubblico più vasto, ma sempre seguendo il testo originale. Per la traduzione (non solo per quanto riguarda l'interpretazione e la creazione delle scene) ci si è avvalsi del contributo in nota delle edizioni Arden Shakespeare edito da Foakes e del volume edito da Bate e Rasmussen su King Lear, confrontando e integrando le peculiarità della versione Folio (1623) e della versione Quarto (1608). 

Il lavoro procede appunto partendo dal testo, desumendo in azione i dettagli che permettono di raccontare la storia dei personaggi, di scena in scena, secondo il piano drammaturgico e narrativo dell’opera. Seguendo questa prassi, i personaggi sorgono direttamente dal lavoro pratico sul testo, da quello che fanno, che agiscono, oltre che da quello che dicono: essi non esistono a priori e non vengono definiti da un processo psicologico preventivo, ma restituiscono allo spettatore l’essenza delle loro contraddizioni e della loro duplicità, ‘scendendo umilmente dentro e sotto il testo scritto’, e restituendo il valore drammaturgico complessivo del Re Lear attraverso la sua UMANA attualità.

Il lavoro di scrittura e prove è iniziato a Novembre 2012 ed è proseguito tra Roma (presso Groucho Teatro-Circolo Gianni Bosio), Torino (presso lo spazio Idiot di Paolo Musio), Parigi (presso le Centre de danse Crysogone Diangouaya) e Gubbio (presso Alcatraz).

 

La realizzazione de LA STORIA DI RE LEAR deve un immenso 'grazie' a JEAN PAUL DENIZON, storico attore e assistente alla direzione di Peter Brook, per la sua consulenza sulla stesura del testo, sulla drammaturgia e sulla messa in scena di questa piéce e per la sua infinita disponibilità e passione; egli ci ha orientato in maniera decisiva sul tipo lavoro e su tante scelte sceniche, di cui comunque ci assumiamo tutta la responsabilità.

 

NOTA PERSONALE:

"Ho pensato e iniziato a lavorare su Re Lear quando ero a Ceva, a settembre 2012, in uno stage con Bruce Myers, e una notte ho visto chiaramente che tu stavi col tipo.

..non era una fuitina

Un inizio perfetto. Ero sotto il letto a castello, non funzionava imitazione orologi rolex nemmeno "punch hero", il giochetto sul cellulare che tu tanto odiavi... e tu non c'eri. stavi con quell'altro. era un momento molto forte. l'ho visto chiaramente che stavi col tipo.

...non era una fuitina.

Se ho scelto di lavorare su questo testo è per un motivo molto profondo. solo che ancora non lo capisco. forse è troppo profondo. praticamente annegato"

 

Anterprima TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO IL 6 e 7 FEBBRAIO 2013

Tour OTTOBRE 2014


scarica la pagina in pdfscarica la versione in pdf

 

LINK VIDEO



Photo Gallery

Clicca sulle immagini per ingrandirle